Guide fiscali per le Ristrutturazioni edilizie e per il Risparmio Energetico e Conto Termico

L'Agenzia delle Entrate ha aggiornato al mese di Febbraio 2019 le Guide fiscali per le Ristrutturazioni edilizie e per il Risparmio Energetico.

 La legge di Bilancio 2019 ha prorogato fino al 31 dicembre 2019 ecobonus, bonus casa (e bonus mobili)
senza novità rilevanti rispetto al 2018. Restano dunque invariate le tipologie di interventi che danno diritto all’agevolazione e le modalità di pagamento.

Per quanto riguarda i lavori di ristrutturazione nella propria abitazione per usufruire del bonus 50%, dal 2018 è stato introdotto l’obbligo di inviare all’Enea una comunicazione dei lavori effettuati, entro 90 giorni dalla data della loro ultimazione, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici.

Puoi scaricare le guide dell'Agenzia delle Entrate qui:
>Guida alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie
>Guida alle detrazioni fiscali per il risparmio energetico

In cosa consiste l’agevolazione fiscale?

L’agevolazione fiscale consiste in detrazione dall’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall’Ires (Imposta sul reddito delle società) ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.
Chi può usufruire della Detrazione Fiscale?
Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento. Quindi:
  • Le persone fisiche (inclusi gli esercenti arti e professioni);
  • Chi consegue reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.
  • La condizione indispensabile per usufruire della detrazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualsiasi categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per attività d’impresa o professionale).

Di grande rilievo gli incentivi del CONTO TERMICO sempre disponibli: il Conto Termico, definito dal Decreto MISE 16/02/2016, ha come obiettivo la riqualificazione degli edifici e il miglioramento delle prestazioni energetiche.

Possono accedere agli incentivi:
  • Le pubbliche amministrazioni (Regioni, Province, Comuni,
  • Enti Statali, Scuole, Ospedali…);
  • I soggetti privati (Abitazioni, Industrie, Attività commerciali,
  • Condomini, Aziende Agricole, Liberi professionisti, Società di culto);
  • Gli ex Istituti Autonomi Case Popolari, comunque denominati
  • e trasformati dalle Regioni;
  • Le società Cooperative sociali (legge 381/1991);
  • Le Cooperative di abitanti (legge 164/2014).

SCOPRI TUTTI I PRODOTTI INCENTIVABILI, VANTAGGI E MODALITA' PER ACCEDERE AL CONTO TERMICO E ALLE DETRAZIONI FISCALI
scarica subito la GUIDA AGLI INCENTIVI 2019